Premio Dottorato Edises: conclusa l'edizione 2016

Pubblicato il 12 Luglio 2016 10:48

EdiSES consiglia

Resta aggiornato

Seguici su Facebook

Edises informa, Info e risorse

Premio Dottorato Edises: conclusa l'edizione 2016

Premio Dottorato Edises è il titolo dell’iniziativa che coinvolge, dal 2014, il Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e la casa Editrice Edises. Attraverso una convenzione tra le due realtà, ogni anno vengono premiate le migliori tesi di tre dottorati appartenenti alla Scuola di Dottorato in Biologia, giudicate dalle rispettive commissioni finali.
I dottorati che ricevono il riconoscimento hanno la possibilità di svolgere uno stage di lavoro nel campo dell’editoria scientifica presso la casa editrice Edises. Nel corso dei sei mesi di tirocinio, ai ricercatori viene data la possibilità di:

  • Conoscere dal vivo una realtà lavorativa del settore per una carriera futura
  • Formarsi con aggiornamenti costanti
  • Creare nuove relazioni nel settore di propria competenza

Premio dottorato Edises 2016: il Ph Day

Per l’edizione 2016, la cerimonia conclusiva del Premio di Dottorato Edises si è tenuta il 9 Giugno presso la Sala del Consiglio del Dipartimento di Biologia situata al Complesso Universitario di Monte Sant’Angelo a Via Cintia (Napoli).
La giornata è iniziata con i saluti del Direttore del Dipartimento Ezio Ricca, con l’intervento scientifico di Assunta Pelosi del Institut du Fer à Moulin, Paris, France su “Basal Ganglia Dysfunctions in Movement Disorders”.
Nella sua relazione, la ricercatrice Assunta Pelosi ha voluto dare un messaggio a tutti gli studenti che vorranno intraprendere la strada della ricerca: “Il mio consiglio è di lavorare con passione, seguendo ciò che ci piace, anche perché se non c’è passione, non si ottengono nemmeno dei risultati. Questo non è un lavoro facile, quindi bisogna farlo solo per vocazione e impegno”.
Dopo la fase introduttiva, sono stati presentati i tre vincitori del Premio e i loro lavori:

  • Pierpaolo Botte per il Dottorato in Biologia Applicata con il lavoro dal titolo “Studi metabolici e applicazioni bioenergetiche di diatomee marine”.
  • Giuseppina Iachetta per il Dottorato in Biologia Avanzata con “Role of functionalized liposomes in drug delivery through the blood-brain barrier”.
  • Melania Parisi per il Dottorato in Biochimica e Biologia Cellulare e Molecolare con “New insights in formyl-peptide receptors functions”.

Il Responsabile Edises, Fabrizio Crisafulli, ha avuto il compito di illustrare i risultati delle ricerche dei tre dottorati in una breve conferenza. “Credo sia importante valorizzare il lavoro scientifico dei dottorati del Dipartimento di Biologia della Federico II. – ha sostenuto Fabrizio Crisafulli – Il nostro compito è proprio quello di venire incontro alle esigenze della scienza”.
Il Direttore del Dipartimento di Biologia, Enzo Ricca, ha sottolineato l’importanza di questo premio come fonte necessaria per tutelare la ricerca scientifica e di dare uno stimolo in più ai dottorati della Campania. “Si tratta di un modo per unire il privato, quindi il singolo ricercatore, con il pubblico e dunque l’istituzione universitaria”.
Ha concluso l’incontro, il Professore Luciano Gaudio, affermando come il Premio di Dottorato Edises possa fungere da esempio per la promozione di altre iniziative atte a promuovere e sostenere la ricerca con finanziamenti provenienti da diversi enti. “Si tratta di un piccolo contributo dato all’intenso lavoro dei dottorati che potranno partire da una base per poter continuare le loro ricerche in istituti di competenza. Che ben vengano iniziative del genere”.

Di più sull’autore

Enza Angela Massaro

Sono laureata in sociologia, con curriculum socio-antropologico presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Giornalista pubblicista. Blogger Fanpage, puoi leggermi su www.respirandorosa.it. Coordinatrice e presentatrice per eventi culturali e presentazioni di libri. Scrivo di attualità e cronaca, mi dedico alla lettura di saggi di psicologia e alla visione di film noir.

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close