concorsi mibac

Lavorare al MIBAC: struttura organizzativa e mansioni degli uffici

Il Ministero dei beni e delle attività culturali, noto anche con l’acronimo MIBAC, è l’apparato amministrativo della Repubblica Italiana volto alla tutela della cultura e dello spettacolo e alla conservazione del patrimonio artistico, culturale e paesaggistico. Il MIBAC può esercitare direttamente queste funzioni o attribuirle alle singole Regioni attraverso forme di intesa e coordinamento indicate dalla legge. In ogni caso, al MIBAC spettano comunque poteri di indirizzo e vigilanza o sostitutivi in caso di inadempienza da parte degli enti assegnatari.

La riorganizzazione del MIBAC dal 2014 ad oggi

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, a partire dal 2014, per volere del ministro Dario Franceschini, ha vissuto una fase di profonda riorganizzazione, partita con il decreto del Presidente del Consiglio 29 agosto 2014, n. 171 e proseguita con il decreto del MIBAC 23 gennaio 2016, n. 44. Con la riorganizzazione del MIBAC si è giunti ad un alleggerimento della struttura centrale e alla semplificazione della struttura periferica. In sintesi, attualmente, il MIBAC si articola in:
  • 11 Uffici di livello dirigenziale generale centrali
  • 10 Uffici di livello dirigenziale generale periferici coordinati da un Segretario generale
  • 1 Ufficio di livello dirigenziale generale presso gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro
  • 1 Ufficio di livello dirigenziale generale presso l’Organismo indipendente di valutazione della performance

Uffici di livello dirigenziale generale centrali

  • Direzione Generale «Educazione e ricerca»
  • Direzione Generale «Archeologia, belle arti e paesaggio»
  • Direzione Generale «Arte e architettura contemporanee e periferie urbane»
  • Direzione Generale «Spettacolo»
  • Direzione Generale «Cinema»
  • Direzione Generale «Musei»
  • Direzione Generale «Archivi»
  • Direzione Generale «Biblioteche e Istituti culturali»
  • Direzione Generale «Organizzazione»
  • Direzione Generale «Bilancio»

Uffici di livello dirigenziale generale periferici i seguenti istituti dotati di autonomia speciale

  • Soprintendenza speciale per il Colosseo e l’area archeologica di Roma
  • Soprintendenza speciale per Pompei, nei termini di cui all’articolo 41, comma 2
  • Museo Nazionale Romano
  • Galleria Borghese a Roma
  • Galleria degli Uffizi a Firenze
  • Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
  • Gallerie dell’Accademia di Venezia
  • Museo di Capodimonte a Napoli
  • Pinacoteca di Brera a Milano
  • Reggia di Caserta
A questi vanno aggiunti gli Uffici di livello dirigenziale non generale centrali e periferici.

Gli organi consultivi che operano a livello centrale

  • Consiglio superiore «Beni culturali e paesaggistici»
  • Comitati tecnico-scientifici
  • Consulta per lo spettacolo
  • Comitato consultivo permanente per il diritto di autore

Gli organi periferici

  • Segretariati regionali
  • Soprintendenze Archeologia, belle arti e paesaggio
  • Poli museali regionali
  • Musei
  • Soprintendenze archivistiche e bibliografiche
  • Archivi di Stato
  • Biblioteche
Per tutti i dettagli sulla struttura organizzativa del MIBAC e sulle mansioni delle diverse figure di funzionari che operano all’interno del Ministero scarica le nostre guide gratuite (inserisci il tuo indirizzo mail in questo box ⇓)

Scarica le guide MIBAC gratuite

Inserisci un indirizzo mail valido

scarica pdf

I concorsi MIBAC

L’ultimo concorso MIBAC per l’assunzione di 500 funzionari risale al 2016. Attraverso questa procedura concorsuale sono stati assunti:
  • 5 Funzionari Antropologi
  • 90 Funzionari Archeologi
  • 130 Funzionari Architetti
  • 95 Funzionari Archivisti
  • 25 Funzionari Bibliotecari
  • 5 Funzionari Demoetnoantropologi
  • 30 Funzionari della promozione e comunicazione
  • 80 Funzionari Restauratori
  • 40 Funzionari Storici dell’Arte

Cosa studiare per i concorsi MIBAC

Per una preparazione efficace ai concorsi MIBAC consulta il nostro catalogo Esercitati con il software gratuito che consente di simulare la prova d’esame.