La prova di inglese nei concorsi pubblici: guida pratica

Pubblicato il 31 Gennaio 2020 07:35

EdiSES consiglia

Resta aggiornato

Seguici su Facebook

Info e risorse, Preparazione ai concorsi

La prova di inglese nei concorsi pubblici: guida pratica

Tutti i piani di studio universitari, i colloqui, gli esami di abilitazione e la maggior parte dei concorsi pubblici prevedono una prova di lingua straniera, in particolar modo di lingua inglese.
Dal 2017 la prova di lingua in inglese è diventata la regola, mentre si potrà sostenere la prova in altre lingue solo se il bando lo prevede esplicitamente.
L’articolo 37 del D.Lgs. 165/2001, il Testo unico sul pubblico impiego, è stato modificato infatti da un decreto pubblicato il 25 maggio 2017 (il n. 75) e afferma che…

… i bandi di concorso per l’accesso alle pubbliche amministrazioni prevedono l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese, nonché, ove opportuno in relazione al profilo professionale richiesto, di altre lingue straniere.

La competenza richiesta può variare da livello A2 (waystage) a livello C2 (mastery) in base al Quadro europeo di riferimento per le lingue straniere.
In questa guida ci occuperemo della prova di inglese nei concorsi pubblici, analizzando le tipologie di quesiti più comuni e fornendo preziose risorse di studio per la preparazione.

La prova di inglese nei concorsi pubblici: le varie tipologie

Generalmente la conoscenza della lingua straniera da parte del candidato viene valutata sia attraverso le prove preselettive e le prove scritte che in sede di prova orale.

Quesiti in lingua inglese: preselezioni e prove scritte

In questa fase, i concorrenti in genere affrontano tre tipologie di prove:

  1. Reading and use of English: comprensione di un brano in lingua inglese attraverso lo svolgimento di relativi esercizi
  2. Writing: breve componimento in lingua inglese generalmente sulle materie previste dal bando di concorso
  3. Listening: ascolto di uno o più brani in inglese generalmente sulle materie oggetto d’esame e relativi esercizi volti ad accertare il livello di comprensione e padronanza della lingua

Scarica i nostri esercizi gratuiti e il brano audio tratti dal manuale La prova a test di inglese.

La prova a test di inglese: esercitazioni gratuite

Inserisci un indirizzo mail valido

scarica pdf

La prova orale in lingua inglese

Generalmente, il colloquio orale e la conversazione in lingua inglese tendono ad accertare:

  • le conoscenze, la padronanza linguistica e la chiarezza espositiva
  • la capacità di individuare collegamenti tra argomenti diversi
  • la capacità di rielaborazione personale e critica
  • il livello di conoscenza della lingua in relazione all’utilizzo della stessa come strumento di lavoro

La prova di inglese nei concorsi pubblici: come prepararsi

la-prova-di-inglesePer una preparazione efficace alla prova di inglese nei concorsi pubblici è disponibile il nuovo manuale di teoria e test rivolto a tutti i candidati di prove selettive per l’accesso a concorsi pubblici, esami di abilitazione professionali, esami di Stato o di ammissione a Scuole di specializzazione

Il testo è diviso in tre parti:

  • la prima parte è dedicata alla grammatica di base, necessaria per l’apprendimento delle strutture morfosintattiche della lingua
  • la seconda parte fornisce molteplici esercitazioni, costituite da quesiti suddivisi in base agli argomenti trattati nella prima parte teorica e per livello di difficoltà
  • la terza parte prevede sia test di reading comprehension con la possibilità di ascolto degli stessi sia esercitazioni con brani audio (listening) che vanno a consolidare un’abilità generalmente poco sviluppata in quanti si accingono allo studio di una lingua straniera.

Il volume contiene un codice personale per accedere a contenuti e servizi aggiuntivi, software di simulazione per infinite esercitazioni online e brani audio mp3.
Sfoglia una demo del manuale

Di più sull’autore

Francesca Pietropaolo

Una vita tra libri, riviste e web per professione e per diletto... la domanda è: esiste una linea di confine? Giornalista pubblicista, in Edises da Gennaio 2016 per la gestione della comunicazione e il coordinamento dei blog aziendali.

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close