concorso prefettura 2022

Concorso Prefettura 2022: prorogati i termini per la partecipazione

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 103 del 28 dicembre 2021 è stato pubblicato il bando di concorso, per titoli ed esami, per la copertura di 180 posti per l’accesso alla qualifica iniziale della Carriera Prefettizia.

Consulta il bando

Concorso Prefettura 2022: requisiti e domanda di partecipazione

Il concorso per la Carriera Prefettizia è aperto ai candidati in possesso dei requisiti generali e dei seguenti requisiti specifici:

  • età non superiore a 35 anni (il limite è elevato di un anno per i coniugati, di un anno per ogni figlio vivente e di cinque anni per gli appartenenti alle categorie elencate nelle “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”)
  • laurea magistrale in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Scienze Economico-aziendali, Sociologia, Scienze Storiche, Relazioni internazionali, Scienze delle pubbliche amministrazioni, Servizio sociale e politiche sociali o laurea specialistica equipollente (i dettagli nel bando)

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 4 febbraio 2022 attraverso la procedura telematica disponibile sul portale dei concorsi del Ministero dell’Interno (i termini sono stati prorogati a causa di problemi tecnici nella procedura informatica).

Concorso carriera Prefettizia: le prove d’esame

Il Concorso Prefettura 2022 prevede una prova preselettiva, tre prove scritte e una prova orale.

Vediamo in cosa consistono.

Prova preselettiva

La prova preselettiva è basata su 90 domande a risposta multipla su argomenti che potranno essere scelti tra Diritto costituzionale, Diritto amministrativo, Diritto civile, Diritto dell’Unione europea, Economia politica, Storia contemporanea.

I quesiti sono suddivisi per materia e per grado di difficoltà, in relazione alla natura della domanda che può essere facile, di media difficoltà e difficile.

Il tempo a disposizione dei candidati è di 60 minuti.

Prove scritte

Le prove scritte, come indicato nel bando, consistono in:

  • tre elaborati: uno su diritto amministrativo e/o costituzionale, uno su diritto civile, uno su storia contemporanea e della pubblica amministrazione italiana (durata 8 ore)
  • risoluzione di un caso in ambito giuridico-amministrativo o gestionale-organizzataivo (durata 7 ore)
  • traduzione di un testo o risposta a un quesito nella lingua scelta dal candidato, tra il francese e l’inglese (consentito l’uso del vocabolario)

Durante le prove è possibile consultare, oltre ai vocabolari, anche codici di legislazione e e altre fonti non normative (non commmentati).

Prova orale

La prova orale sarà basata sugli argomenti della prova scritta e su nozioni di sociologia e scienza dell’organizzazione, diritto dell’Unione europea, Scienza delle Finanze, Diritto penale, Legislazione speciale amministrativa in riferimento alle attività del Ministero dell’Interno, elementi di amministrazione del patrimonio e di contabilità generale dello stato.

Nel corso della prova orale sarà accertata anche la conoscenza delle applicazioni informatiche più diffuse.

Come prepararsi

Per prepararti alle prove utilizza i nostri MiniManuali di diritto.

Scopri i volumi specifici per le nozioni di Lingue straniere e Informatica