Concorsi Regione Sicilia 750 posti

In arrivo nuovi concorsi per 750 posti alla Regione Sicilia

La Regione Sicilia si appresta a indire nuovi concorsi pubblici per l’assunzione di 750 nuove figure professionali per il 2024.

È giunto, infatti, l’accordo tra la Regione e lo Stato per l’assunzione di personale nella Pubblica Amministrazione.

Vediamo come avverranno i reclutamenti e i profili ricercati.

Concorsi Regione Sicilia 750 posti: le nuove assunzioni

I concorsi in arrivo hanno l’obiettivo di potenziale il personale alla Regione Sicilia, soprattutto in seguito ai pensionamenti, e, allo stesso tempo, far fronte alle esigenze richieste dal PNRR.

Sono, infatti, previste 750 nuove assunzioni, grazie ai finanziamenti di circa 300 milioni di euro forniti dallo Stato.

Quali sono i profili che saranno assunti?

La selezione di 750 unità di personale riguarderà diversi profili professionali, sia per le figure dirigenziali che quelle non dirigenziali.

Le assunzioni avverranno tramite il meccanismo del turnover. Nello specifico, si prevede che i profili con qualifica dirigente saranno legati ai pensionamenti dell’anno precedente per il biennio 2023-2024 mentre quelli non dirigenziali  si baseranno sui pensionamenti dell’anno precedente per il triennio 2023-2025.

Come avverranno le selezioni?

Le assunzioni in arrivo alla Regione Sicilia avverranno tramite concorsi pubblici. Le selezioni seguiranno, con probabilità, il nuovo regolamento dei concorsi con procedure da concludere nei tempi indicati e prove digitalizzate.

Oltre ai concorsi pubblici, il reclutamento del personale potrebbe avvenire anche mediante lo scorrimento delle graduatorie precedenti.

Array

Concorsi 750 posti Regione Sicilia

Concorsi 750 posti Regione Sicilia

Lascia una mail e ti avviseremo quando il libro sarà disponibile




Come partecipare al concorso 750 posti Regione Sicilia?

Maggiori dettagli sui profili specifici e sulle domande di partecipazione ai concorsi nella Regione Sicilia saranno resi noti alla pubblicazione del bando. Quest’ultimo sarà pubblicato sul sito dell’Ente Regionale e sul portale InPA.