Videocorso di chirurgia generale: i materiali di sutura

Pubblicato il 15 Dicembre 2017 09:39

EdiSES consiglia

Resta aggiornato

Seguici su Facebook

Concorsi Sanitari, Medicina Generale e SSM

Videocorso di chirurgia generale: i materiali di sutura

In questa seconda videolezione andremo ad approfondire due degli strumenti fondamentali del chirurgo, ovvero i fili da sutura e gli aghi.
I fili di sutura sono definiti come “filamenti utilizzati in chirurgia per l’accostamento (sutura) dei tessuti”. Esistono molti tipi diversi di fili, ognuno destinato ad un particolare tipo di sutura e/o un tipo di tessuto.

I fili di sutura

I fili possono essere classificati in base a:

  • materiale di partenza (fili naturali o sintetici)
  • riassorbimento (fili riassorbibili e non riassorbibili)
  • struttura (fili polifilamente, multifilamento o monofilamento)
  • rivestimento (fili rivestiti o non rivestiti)

Gli aghi di sutura

Gli aghi da sutura sono definiti come: “strumenti utilizzati in chirurgia sfruttando la loro capacità di penetrare nei tessuti biologici, accoppiati ad un filo di sutura”.
Anche gli aghi possono assumere varie forme e ogni parte dell’ago può variare in base alla destinazione d’uso.
Le parti principali di un ago da sutura sono:

  • Cruna (chiusa, semiaperta, aperta)
  • Corpo (Retto, a “J” o curvo)
  • Punta (circolare o tagliante)

In questa lezione, tratta dal libro Manuale di Medicina Generale di F. Frusone e G. Puliani, vedremo nel dettaglio tutte queste caratteristiche e andremo a imparare come e quando utilizzare gli uni e gli altri.

Per accedere alla videolezione clicca sull’immagine qui sotto.

videocorso chirurgia generale
Consulta le altre lezioni
Consulta il calendario completo 

Di più sull’autore

Federico Frusone

Medico chirurgo specializzando in Chirurgia Generale e Senologica presso l’università “Sapienza” di Roma, divulgatore scientifico, compositore, blogger e autore di articoli scientifici, trattati specialistici e del nuovo Manuale di Medicina Generale (Edises 2017). Sempre con una penna in una mano e il bisturi nell’altra.

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close