Il TFA terzo ciclo si farà: lo conferma lo schema di decreto sulla formazione dei docenti

Il 15 gennaio il Consiglio dei ministri ha approvato in prima lettura 8 schemi di decreti legislativi fra cui quello, molto atteso dai futuri insegnanti, sulla “formazione iniziale e l’accesso ai ruoli del personale docente, sia sui posti comuni che su quelli di sostegno”.

Scarica lo schema di decreto n.377

Così come previsto dalla legge 107 del 2015, vi si disegna un nuovo assetto di accesso alla professione docente; si prevede infatti che, successivamente ad un concorso pubblico nazionale a cui si accede con il titolo di studio previsto, si avvii un percorso graduale di inserimento alla professione docente, attraverso periodi formativi, di tirocinio, diretto e indiretto, e di effettivo esercizio della funzione docente tramite il conferimento di supplenze; il percorso, successivo al concorso, avrà una durata di tre almi scolastici.

La riforma (se sarà confermata anche dopo la lettura parlamentare) dovrebbe entrare a regime nell’anno scolastico 2020/21. Nel frattempo, però, dovrebbe finalmente prendere avvio il terzo ciclo del TFA.

Riflettendo sui tempi e sull’iter formativo finora attuato per il TFA, occorrono almeno 60 giorni tra la pubblicazione del bando e lo svolgimento della prima prova. Già noti però i numeri di posti disponibili e il nuovo iter formativo dettato dalla legge 107/2015: ecco i dettagli.

TFA terzo ciclo: i numeri dei posti disponibili

posti disponibili già indicati già ad aprile scorso dalla VII Commissione Cultura sono stati confermati ma ancora privi delle classi di concorso, su cui si espresso solo il Sottosegretario Faraone facendo cenno all’inserimento delle classi esaurite.

Il numero dei posti per le cattedre comuni saranno in totale 11.328 di cui:

  • 3.270 posti alla secondaria di I grado (medie)
  • 8.058 posti alla secondaria di II grado (superiori)

Il numero posti per il sostegno saranno in totale 5.108 di cui:

  • 392 alla scuola dell’infanzia (asilo)
  • 1.749 alla scuola primaria (elementari)
  • 1.932 alla secondaria di I grado (medie)
  • 1.035 secondaria di II grado (superiori)

Per ulteriori informazioni sulle specializzazioni in sostegno didattico consulta la nostra guida.

Cosa prevede la Buona Scuola: come cambiano i percorsi abilitanti

La volontà legislativa è quella di istituire per i percorsi abilitanti un sistema regolare di concorsi nazionali nella scuola per l’assunzione di docenti con contratto di formazione retribuito a tempo determinato di durata triennale. I vincitori saranno poi assegnati ad un’istituzione scolastica o a una rete tra istituzioni scolastiche presso cui verrà svolto il tirocinio formativo.

Per essere assunti a tempo indeterminato, al termine dei tre anni del contratto di formazione, il vincitore del concorso dovrà:

  • Conseguire un diploma di specializzazione all’insegnamento secondario al termine di un corso annuale istituito dalle Università (o dalle istituzioni dell’alta formazione artistica e musicale), anche in convenzione con istituzioni scolastiche o loro reti
    Il corso si svolge nel primo anno del contratto triennale ed è finalizzato a completare la preparazione degli iscritti nel campo della didattica delle discipline afferenti alla classe concorsuale di appartenenza, della pedagogia, della psicologia e della normativa scolastica
  • Effettuare, nei due anni successivi al conseguimento del diploma, tirocini formativi presso le scuole anche in sostituzione di docenti assenti
  • Per i vincitori dei concorsi nazionali, lo svolgimento (nei due anni successivi al conseguimento del diploma) di tirocini formativi e la graduale assunzione della funzione docente, anche in sostituzione di docenti assenti, presso l’istituzione scolastica o presso la rete tra istituzioni scolastiche di assegnazione

La legge prevede anche la possibilità, per coloro che non hanno partecipato o non sono risultati vincitori nei concorsi nazionali, di iscriversi a proprie spese a tali percorsi di specializzazione per l’insegnamento secondario. Il comma 181 al punto 3.4 (iscrizione a proprie spese ai percorsi di specializzazione per l’insegnamento secondario), presenta le maggiori criticità interpretative, in quanto non è per niente chiaro né è stato precisato con successive circolari o decreti MIUR, come potrà accedere al TFA chi non risulta vincitore del concorso.

Cosa potrà fare chi conseguirà a proprie spese il diploma di specializzazione? Accedere solo alle scuole paritarie? Sarà valido tale percorso per l’accesso alle scuole statali? Sul tema il decreto legislativo delegato o relative circolari dovranno necessariamente fornire chiarimenti.

La nuova procedura prevista diverrà gradualmente l’unica per accedere all’insegnamento nella scuola secondaria statale, anche per effettuare supplenze.

Prima che la nuova procedura sia attuata e vada a regime è prevista anche l’introduzione di una disciplina transitoria relativa ai previgenti percorsi formativi e abilitanti e al reclutamento dei docenti. Tale disciplina sarà valida anche per coloro che hanno conseguito l’abilitazione prima del decreto legislativo attuativo.

Un primo passo verso l’attivazione del III ciclo: l’assegnazione dei tutor

Con nota del 10 giugno 2016 il MIUR ha trasmesso agli USR il Decreto Interministeriale n. 376 dell’8 giugno che definisce il contingente di personale tutor da assegnare ai corsi universitari propedeutici all’insegnamento di Scienze dalla Formazione Primaria. Il Miur aveva stabilito di procedere quanto prima a tale assegnazione in modo da poter consentire alle istituzioni scolastiche una corretta programmazione delle risorse disponibili, anche riconfermando il personale già selezionato negli anni precedenti.

Pertanto, punto nodale per sbloccare il TFA, è la previsione del DM. 376 di assegnare alle istituzioni accademiche (con successivo decreto Miur a livello regionale) il contingente di tutor coordinatori per le attività relative al III ciclo del Tirocinio Formativo Attivo.
Gli USR procederanno alla successiva ripartizione dei contingenti tra le istituzioni accademiche e all’emanazione dei relativi decreti di esonero parziale.

Preparati alle prove di accesso al TFA con i volumi Edises – Sfoglia il catalogo

 

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Da assistente di redazione a un più alto profilo di responsabile editoriale, ho accresciuto le mie competenze gestendo diversi ambiti e settori dell’editoria.

Potrebbe interessarti:

Il terzo ciclo del TFA si farà: parola del Ministro…

In un’intervista rilasciata a Repubblica TV il 12 settembre, il ministro Stefania Gannini ha chiarito vari interrogativi che le sono stati posti ...

Ricorsi nei concorsi pubblici: guida pratica

I casi di procedure concorsuali bloccate o che si trascinano da anni perché vi sono ricorsi pendenti non si contano ...

Scuola, società e formazione: nuovi orizzonti educativi

Questo breve ma denso saggio di Carla Cirillo è una lettura che tutti gli insegnanti, o aspiranti tali, dovrebbero includere ...

COMMENTA

Commenti

  • beatrice lippi 26 luglio 2016 alle 12:45

    vorrei sapere i corsi, i termini delle frequenza e se pisa, firenze e siena hanno il TFA

    Rispondi
  • Daniela 16 novembre 2016 alle 18:30

    Vorrei sapere se per chi è diplomato al conservatorio vecchio ordinamento c’è la possibilità di iscriversi al tfa 3 ciclo e come è strutturata la frequenzs

    Rispondi
  • Giuseppe 24 novembre 2016 alle 11:14

    Cara Francesca Pietropaolo vorrei delle informazioni, mio figlio ha frequentato il biennio abilitante presso il conservatorio di musica, poi ha frequentato per due mesi, Novembre e Dicembre 2015 il TFA, ma non ha potuto terminarlo per malattia pur avendo pagato tutte le rette, adesso vorrebbe terminarlo, cosa dovrebbe fare e cosa gli consigliate? potrebbe accedere al TFA 3°ciclo?.
    Grazie per la risposta.

    Rispondi
    • Francesca Pietropaolo 7 dicembre 2016 alle 10:09

      Buongiorno,
      Il nuovo bando 948 del sostegno, all’articolo 4 comma 5 così dispone:
      “I candidati risultati vincitori nelle selezioni dei precedenti corsi di specializzazione sono ammessi in soprannumero al corso di cui al presente decreto, prioritariamente presso il medesimo Ateneo”.
      I candidati, dunque, che hanno superato precedenti selezioni relativi a corsi di specializzazione su sostegno e che non hanno poi potuto seguire il corso, sono ammessi senza svolgere alcuna prova in ingresso e partecipano direttamente ai corsi.

      Rispondi
      • Giuseppe 19 dicembre 2016 alle 19:20

        Mi scusi Francesca ma parlavo dei corsi TFA ordinari e non relativi al sostegno.
        Saranno attivati?

        Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi