A scuola di test: alcune precisazioni metodologiche sulle tecniche di memoria

[easy-social-like]

Nel precedente articolo della rubrica A scuola di test abbiamo parlato delle tecniche di memorizzazione dei quesiti.

Le tipologie di domande sulle quali risultano particolarmente utili le mnemotecniche sono le inferenze, le deduzioni, le negazioni e la comprensione dei brani (e per alcuni la logica numerica).
Si tratta di tutti quesiti che richiedono troppo tempo per arrivare alla risposta mediante ragionamento o quesiti  che richiedono ragionamenti matematici contorti per chi ha problemi con i calcoli
Esempio: se dico È impossibile negare che sarebbe un errore affermare che se non fossi andato al cinema non si sarebbe verificato un evento e poi vi chiedo di escludere delle alternative ed individuare la giusta conseguenza, probabilmente molti di voi sarebbero in grado di rispondere correttamente in primo luogo cercando di capire esattamente quali sono le premesse, qual è la condizione di partenza e poi cercando di valutare il nesso logico con tutte le alternative.

Ebbene, questa operazione, senza nemmeno l’ausilio di carta e penna per molti è difficilissima e per tutti è lunga.

Se dico che un organismo cellulare è in grado di raddoppiare la propria dimensione ogni tre giorni e chiedo quanti giorni saranno necessari perché si decuplichi, per qualcuno sarà una banalità (e non avrà bisogno di memorizzare alcunché), per altri l’unica strada se non si vuol lasciare la risposta in bianco, sarà associare l’organismo cellulare all’età del proprio figlio, cugino, conoscente… o ad una qualsiasi data facile da ricordare.

Per approfondire

Per approfondire consigliamo il manuale Superare la prova a test

superare-la-prova-a-test-2017

Rivolto a quanti si trovano ad affrontare una prova di selezione con quiz a risposta multipla, il volume insegna le tecniche e i metodi di risoluzione per superare brillantemente questo tipo di prova concorsuale.

Il libro è suddiviso in due parti:

  • nella prima si fa riferimento all’organizzazione dello studio per una prova a test, ai metodi di lettura e di risoluzione delle domande, alla gestione tecnica e tattica della prova;
  • la seconda parte del testo è dedicata all’applicazione delle tecniche di lettura e di risoluzione dei quesiti

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Direttore didattico del settore formazione di EdiSES, è uno dei massimi esperti nella didattica orientata ai test.

COMMENTA