Lo sviluppo professionale dei docenti per una scuola inclusiva

Ragionare di agentività: gli insegnanti come agenti di cambiamento

L’attuale prospettiva dell’inclusione scolastica sta sollecitando tutti i Pae­si ad interrogarsi sulle modalità più opportune per eliminare le barriere culturali, professionali e ambientali che impediscono a tutti gli studenti, in particolare a quelli con bisogni educativi speciali, di raggiungere e sviluppare le competenze necessarie per la partecipazione alla vita sociale.

È noto infatti che, ad oggi, nei Paesi dell’area OCSE, almeno uno studente su cinque non raggiunge il livello di istruzione necessario all’inserimento nel mondo del lavoro e, di conseguenza, è a grande rischio di esclusione. In Italia sono circa 700 mila i ragazzi che lasciano la scuola prima del completamento del cor­so di studi, un dato che ci pone in fondo alla classifica europea dell’abbandono scolastico. Una situazione problematica che impone una riflessione sulla necessità e sull’importanza di mettere al centro del dibattito politico la scuola e le sue problematiche attuali.

Gli insegnanti come agenti di cambiamento

I più recenti orientamenti nelle politiche scolastiche a livello mondiale pun­tano sugli insegnanti come agenti di cambiamento, in grado di modellare e personalizzare il curriculum scolastico, apportando un contributo essenziale e decisivo nel miglioramento della qualità dell’istruzione e della formazione per tutti.

lo-sviluppo-professionale-dei-docentiLa crescita professionale dei docenti e il bisogno di condividere gli itinerari da perseguire sono i temi portanti del volume Lo sviluppo professionale dei docenti. Ragionare di agentività per una scuola inclusiva, nel quale Maurizio Sibilio e Paola Aiello, docenti di “Didattica e pedagogia speciale” presso l’Università di Salerno, hanno raccolto gli atti dell’International Ph.D. Workshop “Educatio­nal Research and Teachers’ Professional Development” e dell’International Symposium “Teacher Agency for Inclusive Education: An Interdisciplinary Perspective”, tenutisi presso l’Università di Salerno il 6 e il 7 luglio del 2017. Ai due eventi hanno partecipato autorevoli studiosi, italiani e stranieri, che hanno proposto prospet­tive di analisi innovative e tracciato nuovi scenari di azione, considerando alcune dimensioni cruciali della professionalità docente in un momento di riorga­nizzazione del sistema scolastico italiano, alla luce della Legge n. 107 del 13 luglio 2015 e dei Decreti applicativi ad essa relativi.

Filo conduttore delle giornate di studio è stato il concetto di agentività (agency nella traduzione inglese), intesa nei termini di autodeterminazione e autorealizzazione del docente in vista del raggiungimento degli obiettivi cercati, un agire in cui si intrecciano capacità di giudizio e di discrezio­nalità delle scelte nel perseguire l’intenzionalità di un progetto educativo.

SFOGLIA UN’ANTEPRIMA

Scarica gratuitamente presentazione primo capitolo del volume: inserisci la tua mail in questo box ⇓ e clicca su conferma

Scarica presentazione e primo capitolo del volume

Inserisci un indirizzo mail valido
scarica pdf

Teacher agency e inclusione

Nei contributi raccolti nel volume ci si sofferma a ragionare di teacher agency per evidenziare il gioco delle mutue influenze tra culture, strutture e agire dei soggetti coinvolti nei processi formativi ed educativi.

Partendo dalla considerazione che gli insegnanti siano gli attori indi­scussi del processo di cambiamento, in quanto professionisti della riflessione, del giudizio e dell’azione, condividendo una prospettiva di senso avvertita a livello internazionale, è apparso lecito chiedersi come sostenere i docenti dal punto di vista metodologico e della ricerca affinché possano pienamente “agire la loro agentività” e perché essa possa costituire una risorsa per la formazione di studenti più capaci di esprimersi in maniera autonoma, critica e responsabilmente orientata.

Non solo trasmissione di conoscenze

Oggigiorno è dunque necessario un continuo e co­stante aggiornamento delle proprie competenze per fronteggiare le dif­ferenti situazioni nell’ambito delle quali si interagisce e per riadattarsi ad esse. Non basta “trasmettere” conoscenze, ma bisogna “agire”, accompagnando gli allievi lungo i sentieri formativi in vista di un appren­dimento che consenta loro di navigare in una realtà incerta e imprevedi­bile; un apprendimento che “conduca fuori” la consapevolezza del proprio essere e la responsabilità delle proprie azioni, che duri lungo tutto l’arco della vita, che dia a tutti la possibilità di avere il controllo delle proprie scelte, pur sempre imperfette, ma senza lasciare indietro nessuno.

Per approfondire questi temi consulta i volumi della collana La Pedagogia

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Potrebbe interessarti:

La didattica dell’ascolto nelle parole di Franco Lorenzoni

Duemilasettecento anni fa, un gruppo di greci sbarca in Sicilia, nei pressi di Siracusa, e fonda una città. Megara Hyblaea ...

Essere insegnante di sostegno: un racconto dalla scuola italiana di…

Basilicata coast to coast… una bella scoperta per me in questi mesi. Sono a Lauria, una cittadina dal caratteristico aspetto medievale ...

Il counselling a scuola: “Una porta aperta” tra gioco e…

Incontrare Diana De Felice, insegnante di sostegno e counselor con un ricco bagaglio di esperienze nella scuola, è stata una ...

Il piano triennale per la formazione dei docenti

Il 3 ottobre il Ministero ha pubblicato il Piano triennale per la formazione dei docenti: un documento di ben 10 ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi