Competenze professionali del docente di sostegno per una scuola inclusiva

Il ruolo e le competenze del docente di sostengo

Una scuola che intenda seriamente impegnarsi nella difficile sfida dell’integrazione e dell’inclusione deve essere in grado di accettare e accogliere ogni suo allievo nel modo migliore, fornendo risposte soddisfacenti ai bisogni educativi speciali e specifici di cui ciascuno è portatore. È questa la sfida per chi vuole diventare insegnante oggi e domani.

La “scuola dell’inclusione” deve dunque dotarsi di professionalità altamente qualificate, abilitate alla costruzione di piani educativi personalizzati per allievi portatori di disabilità o appartenenti a categorie sociali disagiate e deve essere in grado di dialogare con medici, psichiatri e specialisti della riabilitazione, promuovendo percorsi educativi e riabilitativi in ottica multidisciplinare e plurispecialistica.

In questo contesto il ruolo del docente di sostegno, professionista nel gestire la diversità, è indispensabile. La scuola ha il compito di “prendere in carico” gli alunni diversamente abili, dall’osservazione iniziale fino all’attuazione di modalità operative per realizzare il percorso didattico.

Per garantire il diritto all’apprendimento a tutti gli alunni, anche a quelli che presentano bisogni educativi speciali occorre un particolare impegno da parte dei docenti in relazione agli stili educativi, alla trasmissione-elaborazione dei saperi, ai metodi di lavoro, alle strategie di organizzazione delle attività in aula.

Su questi temi verteranno infatti le prove selettive del prossimo concorso a cattedra, che porterà ad un potenziamento di organico di ben 6.101 posti.

Il docente di sostegno svolge un ruolo complesso per il cui esercizio sono richieste vastissime competenze socio-psico-pedagogiche correlate allo sviluppo delle abilità cognitive, sociali, psichiche nonché le tecniche didattiche utili alla rimozione degli ostacoli che il deficit comporta. Ricordiamo infatti che il docente di sostegno deve:

  •  assistere nel processo di apprendimento gli alunni disabili, ma anche aiutare l’insegnante curricolare a lavorare meglio con loro e con la classe nel suo complesso, perché lui e il disabile non costituiscono delle entità separate rispetto al gruppo ma al contrario ne sono parti integranti.
  • aiutare i colleghi a comprendere le potenzialità dell’alunno diversamente abile e rendersi egli stesso interprete della relazione tra programmazione e azione didattica individuale.
  • essere preparato non tanto a rispondere alle necessità fisiologiche del disabile, quanto piuttosto essere competente nei diversi linguaggi e, nell’era del computer, nell’uso di quelle tecnologie informatiche che possano facilitare lo sviluppo relazionale e cognitivo dell’allievo.
  • partecipare alla stesura del Piano educativo individualizzato assieme al consiglio di classe, perché la collegialità nell’esercizio della funzione docente è una delle principali caratteristiche della scuola di oggi, e favorire la collaborazione tra scuola, famiglia e servizi extrascolastici.

Per approfondire

nota-invalsiLe attività di sostegno didattico nella scuola dell’infanzia e primaria. Manuale per la preparazione a tutte le prove concorsuali.

Un sintetico, ma rigoroso, compendio per la preparazione al concorso a cattedra per le attività di sostegno didattico nella Scuola dell’Infanzia e nella Scuola Primaria, con le principali conoscenze teoriche necessarie per superare tutte le fasi della selezione concorsuale.

Sfoglia una demo

 

 

 

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Lettrice compulsiva, ricercatrice per passione, editrice per mestiere.

Potrebbe interessarti:

Nota sulle prove INVALSI per alunni con BES

Lo scorso 15 aprile è stata pubblicata la nuova Nota sullo svolgimento delle prove INVALSI 2015-2016 per gli allievi con ...

L’osservazione in campo educativo

Finalizzato alla preparazione alle prove scritte del prossimo Concorso a Cattedra, questo contributo parte da una possibile traccia d’esame per offrire ...

Bisogni Educativi Speciali (BES): nota di chiarimento del 23 novembre…

È stata emanata il 23 novembre 2013 una nota di chiarimento riguardante gli strumenti di intervento per alunni con Bisogni ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi