Modello responsive: ripensare l’ambiente di apprendimento in modo creativo

Gli effetti di un ambiente accogliente su creatività e rendimento scolastico

Erin Klein è il nome di un’insegnante di scuola primaria che prima di insegnare faceva la interior design. La sua intuizione è elementare e sorprendente allo stesso tempo. Decide, un giorno, di ripensare l’aula in cui i propri allievi studiano in modo da renderla gradevole.

Il presupposto da cui parte è semplice: studiare in un’aula gradevole ha benefici diretti sul processo di apprendimento e induce gli alunni a ricercare stimoli positivi nell’ambiente o, come direbbe Daniela Lucangeli, favorisce l’intelligere.

Per fare questo Erin usa ciò che ha a disposizione e modifica l’ambiente con azioni intuitive, in modo che i bambini possano usare lo spazio funzionalmente e muoversi nell’aula alla ricerca di ciò che possa attivare la curiosità. Basta davvero poco: pannelli ad altezza di bambino, materiali diversi che possano stimolare la creatività, tavoli di lavoro con aree tematiche. “Every child in our classroom is someone else’s entire world” si legge nel suo sito kleinispiration.com.

Ripensare l’ambiente di apprendimento in modo creativo: uno stimolo per la mente

Come Erin Klein altri docenti hanno tentato di riappropriarsi dell’ambiente di apprendimento e ripensarlo in modo creativo. Questo tipo di modello, detto appunto “responsive”, parte dall’assunto che la mente dei discenti possa attivarsi meglio e produrre di più se è stimolata dall’ambiente stesso.

Alla base concetti noti nella psicologia ambientale, “il luogo” assume un ruolo importante nella costruzione dei legami sociali e nella gestione dei sistemi di appartenenza. Un ambiente accogliente e stimolante di per sé:

  • genera benessere
  • diventa aggregativo
  • crea presupposti per dare vita a nuove esperienze

Questo concetto è anche alla base di una serie di azioni di ridefinizione ambientale che alcune aziende europee hanno già messo in pratica attraverso la predisposizione di ambienti per il relax, l’uso di materiali naturali e la progettazione di strutture con maggiore luminosità.

In alcune scuole del nord Europa, sono previste delle aule docenti con aree relax per favorire la comunicazione tra i colleghi e lo stare insieme. In Austria e in Germania, da anni ormai, le aule vengono arredate in modo accogliente, seguendo alcuni principi della psicologia ambientale.

Le “scuole innovative” in Italia

Di recente a Campobasso si è tenuta un’interessante giornata di studi e la coordinatrice della Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha riconosciuto come innovative le pratiche di edilizia scolastica promosse in Alto Adige.

Il MIUR ha inoltre stanziato una somma di denaro per costruire scuole innovative e ha emanato un bando per la progettazione di questi ambienti. Si legge nelle linee guida che la scuola del futuro dovrebbe contenere luoghi polifunzionali e arredi flessibli.

Cosa vuol dire questo in partica? Basta guardare a ciò che già esiste in Europa, in particolar modo alle scuole della Finlandia, un paese di eccellenza in termini di didattica e sostenibilità ambientale, che inconsapevolmente sta tracciando linee guida. Si tratta semplicemente di ripensare agli arredi e all’organizzazione degli ambienti e di conseguenza alla didattica.

Oggi siamo abituati alla didattica frontale: i bambini trascorrono cinque/sei ore a scuola, seduti nei banchi, tutti in rigoroso ordine, tutti con lo stesso compagno per l’intero anno scolastico, in strutture datate, che spesso hanno come caratteristica principale l’essere ambienti poco accoglienti.

C’è da chiedersi che ruolo abbia l’ambiente anche nell’indice di dispersione scolastica: in altri paesi europei infatti, dove si permane in ambienti adeguati, il tasso di dispersione non raggiunge i livelli Italiani.

In un universo scolastico in cui dilagano atti di bullismo e sintomi ansiosi, ci si deve fortemente interrogare su come ripensare la scuola e i suoi presupposti didattici ed educativi. In aule responsive vi sono ambienti polifunzionali, aree didattiche in cui gli allievi possono approfondire un tema legato alla conoscenza e costruire gli apprendimenti.

Per essere accogliente un ambiente deve favorire la possibilità del discente di esplorarlo, di muoversi in esso con dimestichezza e naturalezza. Un esperimento virtuoso in Italia, quello delle “scuole senza zaino” nato a Lucca ed esportato in Toscana, ci dice come questo modello incrementi l’empatia e la pro-socialità.

In Emilia Romagna il modello responsive è stato adottato negli asili nido, anche comunali. L’ideatore del modello è un pedagogista di nome Loris Malaguzzi, assertore che i bambini apprendono naturalmente ad usare le risorse che l’ambiente promuove. Non serve costruire attività: il bambino come un esploratore si muove nell’ambiente in modo attivo. Gli adulti diventano promotori di cambiamenti, in grado di ascoltare ed accompagnare.  Il modello Malaguzzi attira anche delegazioni da paesi stranieri che vogliono comprendere come tradurre in pratica il modello ed esportarlo.

Gli obiettivi comuni a qualsiasi modello responsive di riferimento sono:

  • la riorganizzaione dello spazio di apprendimento in aule polifunzonali
  • la creazione di ambienti gradevoli anche attraverso l’uso di nuovi materiali o di materiali naturali
  • l’approccio all’allievo non in termini di Tabula rasa, ma di soggetto attivo che costruisce da sé gli apprendimenti
  • l’esplorazione e costruzione dell’apprendimento
  • la promozione del benessere e della creatività

Dietro questi modelli si percepisce la naturale influenza di M. Montessori e delle sue intuizioni sulla pedagogia e sull’ambiente di apprendimento. Questi cambiamenti strutturali sono solo i presupposti  per una scuola che non lavora per obiettivi e prestazioni ma che dà stimoli, spinge all’attivazione e alla partecipazione, cura le relazioni e da tutto ciò parte per generare apprendimenti.

Sperimentare il modello responsive: cosa occorre?

Chiunque desideri fare questa sperimentazione si renderà conto che non serve moto denaro, che non è necessario fare una rivoluzione, se non di tipo culturale. I luoghi in cui è stato sperimentato il modello responsive sono stati modificati dagli stessi fruitori, con l’aiuto dei docenti e con una buona dose di creatività.

Oggi la scuola ha la possibilità di ripensarsi avendo a disposizione numerosi strumenti per farlo (ad esempio l’e-learning). È tuttavia necessario che il docente renda tutto ciò possibile attraverso la sua personale azione.

L’obiettivo è quello di poter garantire alle nuove generazioni ambienti di apprendimento più adeguati alle esigenze di uno studente dell’epoca. Un’epoca dove è importante imparare le strategie di problem solving, è indispensabile apprendere la flessibilità del pensiero, le strategie creative e la capacità di essere empowered, sfruttando le opportunità che i contesti offrono e che il soggetto può cogliere e trasformare.

Potrebbe interessarti la lettura del Volume unico per la Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria

Il testo comprende una trattazione teorica delle competenze disciplinari,metodologiche e didattiche necessarie per svolgere la professione di insegnante. Il volume è diviso in 4 parti:

  • La Pvolume unico infanzia e primariarima affronta i temi dello sviluppo psico-fisico del bambino, dell’igiene e della sicurezza scolastica nonché dell’integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali;
  • La Seconda delinea l’assetto ordinamentale del sistema dell’istruzione ed è aggiornata alla legge sulla Buona scuola (Legge 107/2015);
  • La Terza passa in rassegna le principali teorie educative e le più efficaci pratiche didattiche;
  • La Quarta propone esempi di Unità di Apprendimento ed attività d’aula sia per la Scuola dell’Infanzia che per la Scuola Primaria.

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Presidente dell'As.Si.P.S, Associazione Siciliana di Psicologia Scolastica, collabora con Istituti Scolastici per la progettazione e gestione di "Sportelli di psicologia scolastica e Orientamento".

Potrebbe interessarti:

Le best practice nella scuola

Cos’è il talento? In molti ritengono che il talento sia un’abilità che lasci gli altri a bocca aperta, che crei stupore ...

Creatività e apprendimento: esempio di traccia svolta

Nelle Indicazioni Nazionali 2012, tra i principi metodologici che contraddistinguono un’efficace azione formativa, viene citato il “favorire l’esplorazione e la ...

Concorso Scuola: traccia svolta sul tema della Motivazione

Finalizzato alla preparazione alle prove scritte del prossimo Concorso a Cattedra, questo contributo parte da una vera traccia d’esame per offrire ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi