La complessità della sintesi: i nostri consigli per una scrittura efficace

La prova scritta del Concorso Scuola: i nostri consigli per una scrittura efficace

Comunicare è un’arte. Scrivere in modo efficace richiede metodo ed esercizio; ciò è vero a maggior ragione quando ci si prepara ad affrontare un concorso. In sede d’esame, infatti, oltre alle normali difficoltà di scrittura, si è sottoposti alla pressione del tempo, all’ansia legata all’importanza del risultato e ad altri fattori di stress che di certo non facilitano la concentrazione. In questi casi è ancora più importante applicare un metodo acquisito per lavorare in modo più spedito e ridurre l’impatto di emotività e ansia, mantenendo una elevata concentrazione sulla prestazione.

La conoscenza di tecniche di base e di qualche semplice regola facilita notevolmente la padronanza della lingua e consente una scrittura efficace e comunicativa. Prima di passare in rassegna alcune strategie, definiamo però cosa si intende per “scrittura efficace”, ricordando che l’efficacia non è una qualità assoluta ma relativa all’obiettivo che ci poniamo. Tanto per intenderci, se l’originalità espressiva può premiare in un contest di scrittura creativa, di certo non è una attitudine da dimostrare in un Concorso a Cattedra!

I 5 aggettivi che rendono efficace la tua prova scritta

Per essere efficace nel contesto del Concorso a Cattedra 2016, il tuo elaborato dovrebbe essere:

  1. Pertinente (centrato sul tema della traccia)
  2. Corretto (dal punto di vista grammaticale e sintattico)
  3. Scorrevole (piacevole da leggere e da comprendere)
  4. Coerente (nella successione dei temi trattati)
  5. Sintetico (perché in 150 minuti occorrerà rispondere a ben 6 domande aperte e 10 quesiti di lingua: due domande, ciascuna composta da 5 quesiti a risposta chiusa)

In questo articolo ci concentreremo in particolare sugli ultimi due punti, o meglio su uno strumento indispensabile per assicurare coerenza al nostro testo e per facilitare la sintesi: la scaletta.

Perché la sintesi sarà la chiave

Come è noto, la prova scritta del prossimo Concorso a Cattedre sarà costituita da 6 quesiti a risposta aperta oltre ai quesiti di lingua straniera che saranno invece a risposta chiusa e per i quali dunque non occorrerà argomentare. Volendo brutalmente calcolare il tempo a disposizione per rispondere a ciascun quesito, si fa presto a scoprire che si avranno meno di 20 minuti per ciascuna domanda… davvero pochi per dimostrare “padronanza delle discipline di insegnamento e capacità di programmazione e trasmissione delle conoscenze unite da capacità di mediazione didattica”!

Ci sono varie ragioni per cui le risposte sintetiche si stanno diffondendo a livello concorsuale, prevalendo sui vecchi “temi”; una di queste è sicuramente il tempo necessario a correggere gli elaborati. Le risposte sintetiche sono più “economiche” rispetto al classico tema da intere facciate di foglio protocollo, perché banalmente occorre meno tempo per correggerle e valutarle.

Non si tratta però della sola ragione e probabilmente neanche di quella più importante. In realtà una risposta breve consente di valutare nel contempo conoscenze e abilità; richiede la conoscenza dell’argomento da trattare e la capacità di individuarne i punti principali.

Mi scuso per la lunghezza della mia lettera, ma non ho avuto il tempo di scriverne una più breve.

Così Blaise Pascal apre una tra le più note delle sue Lettres Provinciales, evidenziando in modo ironico ed efficace la complessità della sintesi; un processo fatto di analisi, selezione, collegamento che più di tanti test psico-attitudinali è in grado di dimostrare l’abilità di ragionamento.

Il piano di dissertazione, reminiscenze di un Erasmus

Ricordo che al liceo tra noi “secchioni” c’era una sorta di competizione su chi faceva il tema più lungo. Ho continuato a confondere la quantità di nozioni con la qualità del ragionamento fino al terzo anno di Università quando sono sbarcata all’IEP di Strasburgo da studentessa Erasmus. Già 20 anni fa in Francia gli esami erano solo scritti e non si trattava né di temi, né di elaborati, bensì di “Plans de dissertations”, espressione esotica che indica una scaletta, un indice dettagliato!

Il corso di Dissertation, obbligatorio per tutti gli studenti Erasmus, è stato accolto con grande ilarità specialmente da noi italiani, che giudicavamo cosa assai banale realizzare un indice per chi era abituato a esami “veri”! Dopo la prima insufficienza – peraltro a un insulso esame complementare che in Italia avrei superato a mani basse – l’ilarità ha ceduto il posto all’attenzione e all’apprendimento di vere e proprie tecniche di ragionamento, che chiaramente migliorano con la pratica, ma che anche un neofita può applicare seguendo meccanicamente delle procedure.

Ammetto di aver dimenticato quasi completamente le tante nozioni disciplinari apprese per superare gli esami in Francia, ma di aver interiorizzato un’abilità utile in qualsiasi contesto (e direi vitale per il mio lavoro), un metodo per sistematizzare le nozioni, dare coerenza al pensiero, mettere ordine nel caos.

Redigere una scaletta

In un altro articolo abbiamo già parlato della prova scritta e descritto sinteticamente le tre fasi principali nella stesura di un testo:

  1. La fase di pre-scrittura – racchiude tutte le operazioni preliminari alla stesura del testo;
  2. La fase di scrittura – vale a dire la stesura vera e propria del testo;
  3. La fase di post-scrittura – comprende le operazioni successive alla scrittura, cioè la revisione del testo per renderlo fruibile.

Potrebbe interessarti a tal riguardo l’articolo Come superare una prova scritta

Nella stesura di un elaborato, la scaletta corrisponde all’ultima, indispensabile, operazione da compiere nella fase di pre-scrittura del testo, dopo aver raccolto idee e spunti anche con la tecnica delle mappe concettuali. Si tratta mettere ordine tra le idee raccolte e redigere uno schema dettagliato e gerarchico delle informazioni in nostro possesso.

Affidarsi a una scrittura istintiva o al flusso caotico dei propri pensieri non è infatti la strategia migliore per realizzare una composizione scorrevole. Quando si inizia la stesura di un elaborato è necessario, perciò, oltre ad avere individuato gli argomenti da trattare, aver già organizzato le sequenze testuali e i legami tra le varie parti che lo compongono. La scaletta, infatti, è una lista di punti – ed eventuali sottopunti – disposti in ordine verticale che corrispondono agli argomenti principali dei paragrafi nei quali si articolerà il testo da redigere; ciò assicura coerenza al testo e facilita – dunque velocizza – la fase di scrittura. 

Prima di compilare la lista è fondamentale:

  • Rileggere tutti gli appunti presi nella fase di ideazione
  • Evidenziare il tema ristretto ricavato da un tema generale più ampio
  • Sottolineare tutti gli argomenti secondari correlati al tema principale
  • Stabilire una gerarchia definitiva tra le varie idee secondo un criterio scelto che può essere cronologico, di causa-effetto

Completata questa fase di revisione delle idee si può procedere alla compilazione della lista nel modo seguente:

  • Riscrivere l’elenco degli argomenti disponendoli in una lista verticale
  • Contrassegnare ogni punto della scaletta con numeri o lettere
  • Attribuire un titolo a ogni punto della scaletta
  • Suddividere ogni punto in sottopunti che indichino l’ulteriore articolazione dei singoli argomenti

Da quanto detto si evince che, indipendentemente dallo schema grafico utilizzato, la scaletta è una preliminare stesura della materia da esporre in modo gerarchico, nella quale gli argomenti da trattare sono disposti secondo un’organizzazione logica e selettiva. Spesso, in un primo sviluppo dello schema, si tralasciano o sopravvalutano elementi peculiari della trattazione; pertanto, la lista deve lasciare un margine di flessibilità, poiché è probabile che durante l’elaborazione del compito taluni punti indicati nello schema appaiano superflui o addirittura non attinenti alla linea concettuale intrapresa nella stesura della prova mentre, al contrario, nuovi argomenti possono inserirsi nell’ambito della trattazione.

In questo caso, è importante correggere e rileggere la scaletta per verificare la coerenza logica nella successione degli argomenti; qualora si dovesse decidere di spostare qualche punto è necessario verificare che tale modifica non alteri la successione logica dei punti della lista.

Affinché questa operazione risulti facile e rapida, bisogna essere in grado di organizzare una sequenza ordinata e ben definita di argomenti da trattare, valutando nel contempo anche quanto spazio linguistico dare a ognuno di essi. In poche parole, si deve evitare che nella stesura definitiva dell’elaborato possano essere presenti elementi contraddittori tra loro oppure ripetizioni di concetti, rimarcando tematiche secondarie e lasciando poco spazio agli argomenti primari.

Ecco un esempio

Nello schema che segue è presentato un modello di scaletta organizzata secondo una struttura gerarchica.

  • Introduzione
    1. ……………………………………………..
      a) ………………………………………..
      b) ………………………………………..
    2. ……………………………………………..
      a) ………………………………………..
      b) ………………………………………..
    3. ……………………………………………..
      a) ………………………………………..
      b) ………………………………………..
  • Conclusione

Notiamo in particolare la presenza di alcune costanti:

  • Introduzione
  • Idee da sviluppare
  • Conclusione

Le idee, ma soprattutto i sottopunti, devono conferire equilibrio al testo e per fare ciò, devono essere di numero equivalente e devono argomentare mediante l’uso appropriato dei connettivi, il passaggio da un punto all’altro

Vediamo ora un paio di esempi di scaletta strutturata in ordine gerarchico tratti dal volume 270 Quesiti svolti su Avvertenze Generali e Lingua straniera

complessità della sintesi

Un sintetico, ma mirato, strumento per la preparazione alle prove scritte e orali del concorso a cattedra, con le principali conoscenze teoriche richieste dalle Avvertenze generali raggruppate punto per punto ed esposte sotto forma di tracce d’esame e sintetiche risposte aperte. Il volume ha una duplice finalità: da una parte consente all’aspirante docente di esercitarsi con i quesiti a risposta aperta, dall’altra permette  un sintetico ma completo ripasso di tutti i punti delle Avvertenze generali.

Sfoglia una demo e l’indice dettagliato del volume

Traccia per un elaborato sulla valutazione nella Scuola Primaria

Titolo
Illustri il candidato come realizzare una valutazione del processo formativo, in grado di consentire a tutti gli alunni di raggiungere gli obiettivi didattici previsti.

Schema di svolgimento

  1. Premessa: chiarire il significato della locuzione “valutazione del processo formativo” alla luce dei nuovi strumenti di valutazione della scuola primaria
  1. Finalità pedagogiche e didattiche della valutazione formativa:
    2.1 Orientare il processo di apprendimento degli alunni
    2.2 Controllare l’efficacia dei metodi e dei contenuti
    2.3 Programmare interventi didattici differenziati
  1. Modalità della valutazione formativa:
    3.1 Vari tipi di prove strutturate e semi-strutturate
    3.2 Colloqui
    3.3 Tecniche proiettive; uso della LIM ecc.
    3.4 Molteplici forme di espressione (scritta, grafi co-pittorica, manipolativa ecc.)
  1. Criteri per ridurre le ambiguità nella misurazione:
    4.1 Accertare che gli strumenti impiegati siano adatti a verificare ciò che si vuole valutare
    4.2 Verificare che la misurazione sia identica per tutti i soggetti
    4.3 Assicurarsi che lo strumento di valutazione sia in grado di informare sull’effettivo processo di apprendimento
  1. Conclusioni:
    5.1 Oggetto della valutazione non è l’alunno in quanto persona, ma i risultati dell’apprendimento in relazione agli obiettivi programmati
    5.2 Valutare l’efficacia della programmazione didattica
    5.3 Definire la valutazione formativa in funzione della promozione dello sviluppo del discente

E ora?

E ora tocca a te! Ci vuole un po’ di esercizio per interiorizzare il metodo e praticarlo in modo spedito. Molti altri esempi di tracce svolte ed una ampia introduzione metodologica sulla scrittura efficace, li trovi nel nostro volume 270 Quesiti svolti su Avvertenze Generali e Lingua straniera. 

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Lettrice compulsiva, ricercatrice per passione, editrice per mestiere.

Potrebbe interessarti:

Concorso Scuola 2016: pubblicato il calendario ufficiale delle prove scritte

Pubblicato, sul sito del MIUR, il calendario ufficiale delle prove scritte che dovranno sostenere i 165.578 partecipanti al Concorso scuola 2016. Le prove ...

La prova di lingua straniera nel Concorso Scuola

È ormai ufficiale che la prova scritta del prossimo concorso a cattedra comprenderà due quesiti finalizzati alla verifica delle competenze linguistiche ...

La prova scritta del Concorso a Cattedra: come affrontarla al…

Il prossimo Concorso a cattedra  è ormai alle porte. La pubblicazione del bando,  attesa per la settimana prossima, interesserà, secondo le stime del MIUR, ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi