Concorso Scuola: tutto quello che c’è da sapere in 20 domande

Il bando che segna il ritorno dei concorsi a cattedra nella scuola – l’ultima selezione risale al 1999-2000 – sarà pubblicato martedì 25 settembre sulla Gazzetta Ufficiale, serie Concorsi. Il ministero dell’Istruzione sta mettendo a punto gli ultimi dettagli del bando, a cui, secondo Viale Trastevere, parteciperanno circa 160 mila aspiranti docenti che si contenderanno 11.542 posti nelle scuole di ogni ordine e grado. E i primi vincitori saranno immessi in ruolo per l’avvio dell’anno scolastico 2013-2014. Il costo dell’intera operazione (tra procedure e commissioni) è di circa un milione di euro. Ecco, in 20 domande e risposte, tutto quello che c’è da sapere sulla selezione.

Chi può partecipare al concorso?
I docenti già abilitati (in base all’articolo 1 del decreto interministeriale n. 460 del 24-11-1998). Ma è prevista qualche eccezione. L’articolo 2 del citato decreto interministeriale stabilisce che, in via transitoria, che possono partecipare ai concorsi a cattedre, anche in mancanza di abilitazione, coloro che alla data di entrata in vigore del decreto (7 giugno 1999) siano già in possesso di un titolo di laurea, o di un diploma conseguito presso le accademie di belle arti e gli istituti superiori per le industrie artistiche, i conservatori e gli istituti musicali pareggiati, gli Isef, che alla data stessa consentano l’ammissione al concorso. Possono partecipare al concorso anche coloro che hanno conseguito la laurea entro gli anni accademici 2001/02, 2002/03 e 2003/04 se si tratta di corso di studi di durata rispettivamente quadriennale, quinquennale ed esennale (medicina) e coloro che hanno conseguito il titolo di studio richiesto entro l’anno in cui si conclude il periodo prescritto dal relativo piano di studi, a decorrere dall’anno accademico 1998/99.

Ci sono altre possibilità per i non abilitati?
Sì. L’art. 4 sempre del citato decreto interministeriale stabilisce che fino a quando in una classe di concorso non vi sarà una sufficiente disponibilità di abilitati per un adeguato reclutamento è ammessa la partecipazione al relativo concorso di candidati non abilitati. Nel caso il numero delle domande presentate per una classe di concorso risulti inferiore al triplo rispetto alle previsioni dei posti da conferire nel periodo di vigenza delle graduatorie, vengono riaperti i termini di presentazione delle domande e ammesso anche il personale non abilitato. Ma il Miur, ha sottolineato la Uil Scuola, ha verificato che per nessuna delle classi né dei posti messi a bando si verificherà tale condizione.

E per la scuola dell’infanzia e primaria?
Il decreto interministeriale 10 marzo 1997 ha soppresso, a partire dall’anno scolastico 1998/99, i corsi di studio ordinari triennali e quadriennali, rispettivamente della scuola magistrale e dell’istituto magistrale. Ma i titoli di studio conseguiti entro l’anno scolastico 2001/02 conservano valore legale in via permanente e consentono di partecipare alle sessioni di abilitazione all’insegnamento nella scuola materna e ai concorsi ordinari per titoli ed esami a posti di insegnante nella scuola materna e nella scuola elementare.

E i posti assegnati al concorso come vanno ripartiti?
La legge 124/1999 stabilisce che i posti del personale docente della scuola materna, elementare e secondaria vengono assegnati per il 50% mediante concorsi per titoli ed esami e per il restante 50% attingendo alle graduatorie permanenti ora trasformate in graduatorie ad esaurimento (dove sono parcheggiati circa 165mila precari).

Quanti sono i posti complessivamente messi a bando?
I posti messi a bando sono 11.542, quelli autorizzati dal Tesoro.

Il concorso consente di acquisire l’abilitazione?
Solo per coloro che si collocano in posizione utile alla copertura dei posti messi a bando. Non è prevista abilitazione per coloro che, pur superando le prove, non rientrano nel numero dei posti messi bando. Tale scelta, ha ricordato nei giorni scorsi alla Camera il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, è per evitare il crearsi di nuovo precariato.

Come si potranno presentare le domande?
Le domande di partecipazione saranno presentate esclusivamente secondo il modello delle istanze on line su piattaforma Polis.

Si potrà presentare la domanda in una o più regioni?
La domanda dovrà essere presentata in una sola regione.

Con quali scadenze?
La domanda dovrà essere presentata a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sulla gazzetta ufficiale ed entro i trenta giorni più uno successivi, in modo che anche chi presenti istanza il trentesimo giorno abbia modo di perfezionarla.

Quante sono le prove?
Le prove sono complessivamente tre. Una preselettiva, una scritta e una orale

In che cosa consiste la prova preselettiva?
La prima prova preselettiva non disciplinare, sarà svolta nell’aula informatica di una scuola o di una università. E’ costruita su 50 item, 18 accerteranno le abilità logiche, 18 la comprensione del testo, 7 la conoscenza di una delle lingue straniere di maggiore diffusione comunitaria, 7 le competenze informatiche. Dovranno essere totalizzati almeno 35 punti, ricavati sommando quelli assegnati alle prove con risposta corretta, quelli assegnati alle risposte non valide e quelli assegnati alle risposte errate.

Come vengono calcolati questi punteggi?
Alla risposta corretta viene assegnato un punto (1); a quella sbagliata, meno zero virgola cinquanta (-0,50) a quella non data zero (0).
In quanto tempo dovrà essere espletata questa prova ?
Si avranno a disposizione complessivamente 50 minuti. Alla sua conclusione il candidato avrà una stampata del suo elaborato. La comunicazione dell’esito è immediata, la stampata ricomprenderà anche l’esito. Il superamento della prova preselettiva consente l’ammissione alla prova scritta.

Come vengono individuati i quiz per ciascun candidato?
La selezione sarà affettata su una batteria di 3.500 quiz, resi pubblici circa tre settimane prima della prova, in modo da favorire lo studio da parte dei candidati. La scelta sarà effettuata in modalità “random” direttamente dalla macchina, una volta che questa sarà stata avviata, con la digitazione di una password personale, assegnata a ciascun candidato al momento della prova.

In che cosa consiste la prova scritta?
La prova scritta ha carattere disciplinare; verrà presentato un certo numero di item a cui si dovrà rispondere secondo modalità diverse, risposta aperta, scelta multipla ecc. Il superamento della prova scritta consente l’ammissione alla prova orale. Con la prova scritta si possono ottenere massimo 40 punti.

In che cosa consiste la prova orale?
La prova orale è strutturata su due livelli: una lezione della durata di mezz’ora in cui il candidato può optare anche per l’utilizzo di nuove tecnologie informatiche. Una seconda parte della durata di mezz’ora anch’essa in cui il candidato interagirà con la commissione su motivazione coerenza delle scelte ed accerterà la competenza didattico pedagogica.

Come viene accertata ulteriormente la competenza in lingua straniera?
Tramite domande poste nel corso della prova orale anche in lingua straniera, quella prescelta dal candidato tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. Nella scuola primaria la prova orale sarà solo in inglese, nel rispetto dell’ordinamento didattico vigente. L’esito della prova di lingua straniera contribuisce alla valutazione complessiva dell’orale ed all’assegnazione del punteggio. Il punteggio dell’orale massimo equivale a 40 punti.

Ci sono altre prove?
Per le classi di concorso a carattere tecnico, come per esempio Fisica, Elettronica, Meccanica, Laboratorio di edilizia e di topografia è prevista una prova pratica. In questo caso allo scritto verranno attribuiti punti 30 e alla prova pratica 10, per complessivi 40.

Quale validità hanno le graduatorie?
Le graduatorie del concorso sono triennali, ma potrebbero esaurirsi in anticipo a seguito della nomina di tutti i vincitori.

Il Sole 24 Ore – leggi l’articolo sul sito del giornale al link

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

COMMENTA

Commenti

  • giorgio russo 3 ottobre 2012 alle 14:39

    c’e limite di età per la partecipazione al concorso?

    Rispondi
  • concorsoacattedra.it 3 ottobre 2012 alle 15:05

    Quanto ai limiti di età, il bando di concorso prevede che “I candidati devono altresì essere in possesso dei requisiti generali di accesso agli impieghi nelle pubbliche ammnistrazioni richiesti dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487″.
    Esso dispone che il limite di età per l’accesso ai pubblici concorso è “non inferiore ai 18 anni e non superiore ai 40 anni”.
    Tuttavia, tale limite di età è stato abrogato dalla L. n. 127/1997: “La partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche amministrazioni non è soggetta a limiti di età, salvo deroghe dettate da regolamenti delle singole amministrazioni connesse alla natura del servizio o ad oggettive necessità dell’amministrazione”.
    Quindi non ci sono limiti di età per la partecipazione al concorso.

    Rispondi
    • nicoletta 24 ottobre 2012 alle 14:43

      scusate, si puo’ partecipare anche con una laurea del 1980?

      Rispondi
  • concorsoacattedra.it 24 ottobre 2012 alle 14:49

    Sì, se la laurea è prevista tra quelle che permettono l’accesso al concorso ai sensi dell’art. 2 del bando.

    Rispondi