Guida ai concorsi per Allievi Marescialli Arma dei Carabinieri

Tutte le informazioni per accedere ai corsi per Allievi Marescialli del ruolo Ispettori

I Marescialli dei Carabinieri sono inquadrati nel ruolo degli Ispettori. La selezione per l’ammissione ai corsi per Allievi Marescialli del ruolo Ispettori dell’Arma dei Carabinieri, in relazione ai posti disponibili in organico, avviene per il:

  • 70% dei posti mediante concorso pubblico;
  • 30% per cento dei posti mediante concorso interno, riservato agli appartenenti ai ruoli sergenti o sovrintendenti e agli appartenenti ai rispettivi ruoli iniziali in servizio permanente.

Funzioni

Agli appartenenti al ruolo Ispettori sono attribuite le qualifiche di agente di Pubblica Sicu­rezza e di ufficiale di Polizia Giudiziaria, di conseguenza, oltre ai compiti di carattere milita­re previsti dalle disposizioni in vigore, essi svolgono funzioni di sicurezza pubblica e di po­lizia giudiziaria.

Possono sostituire i diretti superiori gerarchici in caso di assenza o di impe­dimento ed essere preposti al comando di Stazione Carabinieri, unità operative o addestrati­ve, con le connesse responsabilità per le direttive e istruzioni impartite e per i risultati con­seguiti, nonché assumere la direzione di uffici o funzioni di coordinamento di più unità ope­rative, nell’ambito delle direttive superiori, con piena responsabilità per l’attività svolta.

Inoltre, al personale in questione possono essere attribuiti anche incarichi investigativi e ad­destrativi e di insegnamento, richiedenti particolari conoscenze e attitudini. I marescialli aiu­tanti sostituti ufficiali di Pubblica Sicurezza sono diretti collaboratori degli ufficiali, coordi­nano anche l’attività del personale del proprio ruolo e, ove sostituiscano i superiori gerarchi­ci nella direzione di uffici o reparti, assumono anche la qualifica di ufficiale di Pubblica Sicu­rezza.

Il corso di formazione

Il corso di formazione degli Allievi Marescialli dell’Arma dei Carabinieri ha durata triennale – per i vincitori del concorso pubblico – e prevede un addestramento fisico, militare e professionale.

Il corso ha durata annuale per i vincitori del concorso interno riservato al personale dell’Arma.
In particolare, gli ammessi al corso triennale frequentano un iter formativo su impostazione universitaria, al termine del quale, oltre al grado di Maresciallo, conseguono la laurea in “Scien­ze Giuridiche della Sicurezza” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Stu­di di Roma Tor Vergata.

La formazione avviene presso la Scuola Marescialli e Brigadieri, con sede in Firenze, articolata su due Reggimenti (l’uno a Firenze e l’altro a Velletri – Roma) oltre a provvedere all’aggior­namento professionale degli stessi.
Gli anni di corso si svolgono tra Velletri (RM) e Firenze; gli allievi giudicati idonei al termi­ne del secondo anno di corso vengono nominati Marescialli.

I requisiti di partecipazione al concorso pubblico

Possono partecipare al concorso pubblico per l’ammissione al corso triennale:

  • I militari dell’Arma dei Carabinieri
  • I cittadini italiani con requisiti specifici

Requisiti per i militari dell’Arma dei Carabinieri

I militari dell’Arma dei Carabinieri appartenenti al ruolo dei Sovrintendenti e a quello degli Appuntati e Carabinieri, nonché gli Allievi Carabinieri che alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande:

  • siano idonei al servizio militare incondizionato;
  • abbiano conseguito il diploma di istruzione secondaria di secondo grado, a seguito della frequenza di un corso di studi di durata quinquennale ovvero quadriennale integrato dal corso annuale previsto per l’accesso alle università;
  • non abbiano superato i 30 anni di età. Gli aumenti dei limiti di età previsti per l’ammissione ai concorsi per pubblici impieghi non si applicano ai limiti massimi di età stabiliti per il reclutamento nel ruolo Ispettori;
  • non abbiano riportato, nell’ultimo biennio o nel periodo di servizio prestato se inferiore a due anni, sanzioni disciplinari più gravi della consegna;
  • non abbiano riportato, nell’ultimo biennio o nel periodo di servizio prestato se inferiore a due anni, una qualifica inferiore a “nella media” ovvero, in rapporti informativi, giudizi corrispondenti;
  • non siano stati giudicati inidonei all’avanzamento al grado superiore nell’ultimo biennio;
  • non siano stati condannati per delitti non colposi ovvero non siano in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi.

Requisiti per i civili

I cittadini italiani che alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande:

  • abbiano un’età compresa tra i 17 anni e i 26 anni. È necessario il consenso dei genitori o di chi esercita la potestà genitoriale se minorenni. Per coloro che abbiano già prestato servizio militare per una durata non inferiore alla ferma obbligatoria il limite massimo di età è elevato a 28 anni. Gli aumenti dei limiti di età previsti per l’ammissione ai concorsi per altri pubblici impieghi non trovano applicazione;
  • godano dei diritti civili e politici;
  • non siano stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non siano in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi né si trovino in situazioni comunque incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di Maresciallo dell’Arma dei Carabinieri;
  • siano in possesso di condotta incensurabile;
  • abbiano conseguito il diploma di istruzione secondaria di secondo grado, a seguito della frequenza di un corso di studi di durata quinquennale ovvero quadriennale integrato dal corso annuale previsto per l’accesso all’università;
  • non siano stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia, a esclusione dei proscioglimenti per inidoneità psico–fisica;
  • non siano stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • se candidati di sesso maschile, non siano stati dichiarati obiettori di coscienza ovvero ammessi a prestare servizio sostitutivo civile ai sensi della legge n. 230/1998, a meno che abbiano presentato apposita dichiarazione irrevocabile di rinuncia allo status di obiettore di coscienza presso l’Ufficio nazionale per il servizio civile non prima che siano decorsi almeno cinque anni dalla data in cui sono stati collocati in congedo.

Le prove concorsuali

Lo svolgimento del concorso pubblico prevede:

  • prova preliminare
  • prove di efficienza fisica
  • accertamenti sanitari
  • prova scritta per accertare il grado di conoscenza della lingua italiana
  • accertamenti attitudinali
  • prova orale
  • prova facoltativa di lingua straniera

La prova preliminare

La prova preliminare del concorso pubblico consiste nella somministrazione di un questionario articolato in 100 domande a risposta multipla da svolgere in 60 minuti, volte ad accertare il grado di conoscenza dei candidati su:

  • Argomenti di cultura generale: lingua italiana, anche sul piano ortogrammaticale e sintattico, attualità, storia, geografia, matematica, geometria, educazione civica, scienze, geografia astronomica, storia delle arti
  • Logica deduttiva: ragionamento numerico e ragionamento verbale
  • Informatica
    Lingua straniera (tra francese, inglese, spagnolo e tedesco)

Come posso esercitarmi per la prova preliminare?

Per la prova preliminare sia per quanti vogliono accedere ai corsi annuali (concorso inter­no) sia per quanti vogliono accedere ai corsi triennali (concorso pubblico) per Marescialli del ruolo Ispettori dell’Arma dei Carabinieri consigliamo il manuale completo di teoria e test.

Esercitati gratis con la demo del nostro simulatoreIl software ricalca l’impostazione della prova d’esame reale in termini di struttura, composizione, attribuzione del punteggio, tempo a disposizione. La versione demo comprende tutte le funzionalità di questo software, ma è basata su un numero limitato di quesiti. La versione completa, che consente di effettuare infinite simulazioni, è allegata gratuitamente al volume Allievi Marescialli Carabinieri – prova preliminare.

Le prove di efficienza fisica

Le prove di efficienza fisica del concorso pubblico sono svolte secondo le modalità e i criteri indicati oltre che nel bando anche in apposite norme tecniche, approvate con provvedimento dirigenziale del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Le norme tecniche sono disponibili prima della data di svolgimento della prova concorsuale sul sito www.carabinieri.it, con valore di notifica a tutti gli effetti.
Per l’esecuzione di tali prove si fa riferimento, inoltre, ai regolamenti tecnici della Federazione Sportiva Italiana.

Le modalità e i criteri di svolgimento delle prove di efficienza fisica stabiliti nel bando sono i seguenti:

allievi marescialli carabinieri

FIGURA 2

I concorrenti devono effettuare gli esercizi indicati nella tabella in sequenza. In caso di mancato superamento degli esercizi obbligatori il candidato sarà giudicato inidoneo ed escluso dal concorso, mentre il mancato superamento degli esercizi facoltativi non pregiudicherà la già conseguita idoneità al termine degli esercizi obbligatori.

Il superamento di tutti gli esercizi obbligatori ed eventualmente di quelli facoltativi dà luogo all’attribuzione dei punteggi incrementali, fino a un massimo di 2,5 punti, utili per fa formazione della graduatoria di merito finale.

Gli accertamenti sanitari

I concorrenti risultati idonei alle prove di efficienza fisica sono sottoposti ad accertamenti sanitari per la verifica del possesso dell’idoneità psicofisica a prestare servizio in qualità di Maresciallo dell’Arma dei Carabinieri.

L’idoneità psicofisica dei concorrenti è accertata con le modalità previste dagli artt. 580 e 582 del decreto del Presidente della Repubblica n. 90/2010 e con le modalità previste dalle direttive tecniche approvate con decreto ministeriale del 4 giugno 2014, nonché secondo le modalità definite in apposite norme tecniche, approvate con provvedimento dirigenziale del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Le citate norme tecniche sono rese disponibili, prima della data di svolgimento della prova concorsuale, mediante pubblicazione sul sito www.carabinieri.it.

Il concorrente che, regolarmente convocato, non si presenta nel giorno e nell’ora stabiliti per gli accertamenti sanitari sarà considerato rinunciatario e quindi escluso dal concorso, quali che siano le ragioni dell’assenza, comprese quelle dovute a causa di forza maggiore.

Gli accertamenti sanitari si svolgono secondo le seguenti fasi:

  • anamnesi del candidato;
  • esame obiettivo generale;
  • esami di laboratorio;
  • visite mediche specialistiche con indicazione sui relativi referti delle diagnosi riscontrate, da parte di ogni medico specialista;
  • visita definitiva effettuata dalla Commissione per gli accertamenti sanitari che provvede a:
  • controllo della regolarità formale e sostanziale del protocollo;
  • valutazione dei referti e della rimanente documentazione sanitaria;
  • emissione del giudizio di idoneità o inidoneità;
  • redazione di apposito verbale.

Al concorrente, seduta stante, viene comunicato, per iscritto, l’esito della visita mediante il verbale contenente uno dei seguenti giudizi:

  • idoneo
  • inidoneo

La prova scritta

Nel concorso pubblico, i candidati che conseguono il giudizio di idoneità al termine delle prove di efficienza fisica e degli accertamenti sanitari dovranno sostenere la prova scritta.

La prova, della durata di cinque ore, si effettua in un’unica giornata e consiste nello svolgimento di un tema di cultura generale, su argomenti estratti a sorte tra i tre predisposti dalla Commissione esaminatrice, adeguato ai programmi degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado e tendente a verificare:

  • grado di padronanza della lingua italiana
  • cultura e maturità di giudizio
  • attitudine al ragionamento nell’aderenza alla traccia
  • capacità di esprimere  idee in maniera semplice e nel rispetto della grammatica e della sintassi

La Commissione competente assegna a ogni elaborato un punto di merito da 0 a 30/30, determinato sommando i punti attribuiti dai singoli esaminatori e dividendo tale somma per il numero dei medesimi. Conseguono l’idoneità alla prova i candidati che abbiano riportato il punteggio minimo di 18 trentesimi.

Tale punteggio sarà utile per la formazione della graduatoria di merito finale.

I candidati che non superano la prova non saranno ammessi a sostenere le successive prove di concorso.

Esercitati con le prove ufficiali assegnate in occasione dei precedenti esami. Scarica il file

Gli accertamenti attitudinali

Nel concorso pubblico, i candidati risultati idonei alla prova scritta sono sottoposti ad accertamenti attitudinali che consistono nello svolgimento di una serie di prove volte a valutare il possesso dei requisiti attitudinali necessari per il reclutamento nell’Arma dei Carabinieri e a riscontrare la presenza di quelle caratteristiche indispensabili all’espletamento delle mansioni di Maresciallo del ruolo Ispettori dell’Arma dei Carabinieri.

Tali accertamenti sono svolti con le modalità definite in apposite norme tecniche, approvate con provvedimento dirigenziale del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, che sono rese disponibili, prima della data di svolgimento della prova concorsuale, sul sito www.carabinieri.it, con valore di notifica a tutti gli effetti e per tutti i concorrenti.

Per l’effettuazione degli accertamenti attitudinali, i concorrenti sono sottoposti normalmente ad alcune prove con la somministrazione di test, questionari e prove di performance che, nel loro insieme, costituiscono:

  • la batteria testologica
  • un’intervista attitudinale di selezione
  • un colloquio di verifica con apposita Commissione

Al termine del colloquio la Commissione esprime un giudizio definitivo di idoneità o di inidoneità.

La prova orale

Nel concorso pubblico, i candidati idonei al termine delle indagini attitudinali sono ammessi a sostenere la prova orale.

La prova, della durata massima di trenta minuti, consiste in una interrogazione su argomenti tratti da tre tesi estratte a sorte, una per ciascuna delle materie:

  • storia
  • geografia
  • elementi di diritto costituzionale

Sono dichiarati idonei i candidati che riportano un punteggio di almeno 18/30. Tale punteggio sarà utile per la formazione della graduatoria finale di merito.

La prova facoltativa di lingua straniera

Nel concorso pubblico, i candidati che hanno conseguito il giudizio di idoneità alla prova orale e che nella domanda di partecipazione al concorso hanno chiesto di sostenere la prova facoltativa di lingua straniera sono sottoposti a una prova scritta a scelta tra:

  • albanese
  • arabo
  • cinese
  • francese
  • inglese
  • russo
  • spagnolo
  • tedesco
  • turco

I candidati in possesso dell’attestato di bilinguismo non possono scegliere per la prova facoltativa la lingua tedesca.

La prova si articola in due momenti:

  • somministrazione di un questionario comprendente 60 quesiti a risposta multipla predeterminata. Durante lo svolgimento della prova, della durata di 40 minuti, non sarà consentito l’uso di alcun ausilio didattico;
  • colloquio, della durata massima di 15 minuti, che avrà come oggetto la lettura di un brano di senso compiuto, con sintesi e valutazione personale e una conversazione guidata che abbia come spunto il brano stesso.

Il superamento della prova scritta con un voto minimo di 18/30 permette ai concorrenti di accedere alla successiva prova orale di lingua.

Per una preparazione efficace a tutte le fasi del concorso consigliamo il kit completo per il Concorso Allievi Marescialli Arma dei Carabinieri. Scopri il kit

La graduatoria finale di merito del concorso pubblico

Terminata la procedura concorsuale i candidati giudicati idonei in tutte le prove sono iscritti dalla Commissione competente nella graduatoria finale di merito.

Tale graduatoria tiene conto della media dei punteggi conseguiti nella prova scritta e in quella orale alla quale si aggiungono gli incrementi attribuiti per le prove di efficienza fisica, per la prova facoltativa di lingua straniera e per la valutazione dei seguenti titoli di merito:

  • laurea magistrale o titolo equipollente: 0,5 punti
  • laurea o titolo equipollente: 0,3 punti
  • servizio prestato nell’Arma dei Carabinieri, in altra Forza Armata o di Polizia: fino a un massimo di 1,5 punti

Scarica i precedenti bandi di concorso:

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Sono redattrice e autrice specializzata in testi scientifici (matematici, statistici, ma anche economico-aziendali). Grazie alla mia "insana" passione per i numeri sono specializzata in test psicoattitudinali, di logica e di ragionamento numerico per i concorsi pubblici.

Potrebbe interessarti:

Concorso Sottotenenti Carabinieri: pubblicato il bando per 26 unità

  Nella Gazzetta Ufficiale Serie Concorsi del 23 settembre 2016, n. 76 è stato pubblicato il bando di Concorso pubblico, per ...

Il Corpo forestale dello Stato assorbito nell’Arma dei Carabinieri

Con il decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 177, il Governo ha disposto l’accorpamento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma ...

Concorso Allievi Carabinieri Atleti

Nella Gazzetta Ufficiale Serie Concorsi del 9 settembre 2016, n. 72 è stato pubblicato il bando di Concorso pubblico, per ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi