Concorso a Cattedra Infanzia e Primaria 2020: bando imminente?

Informazioni e aggiornamenti sul concorso

La pubblicazione del bando del Concorso a cattedra Infanzia e Primaria 2020 potrebbe essere imminente. Il MIUR in questi giorni sta già effettuando le prime prove tecniche per la compilazione e l’inserimento delle domande di partecipazione da parte dei candidati.

Il numero di posti disponibili è già stato resto noto lo scorso 18 luglio con la pubblicazione del Decreto in Gazzetta Ufficiale. I posti saranno infatti:

  • 10.624 per l’anno scolastico 2020/2021
  • 6.335 per l’anno scolastico 2021/2022

Chi può accedere al concorso? Quali saranno le prove da sostenere e come prepararsi? Tutte le informazioni in questo approfondimento sul Concorso a Cattedra Infanzia e Primaria 2020.

Concorso a cattedra Infanzia e Primaria 2020: i requisiti di accesso

Il concorso a cattedra Infanzia e Primaria 2020 è aperto ai candidati in possesso dei requisiti generali per la partecipazione ai concorsi pubblici e dei seguenti requisiti specifici:

  • laurea in Scienze della formazione primaria oppure
  • diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.
  • analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto dal MIUR

Per i posti di sostegno è necessario essere in possesso, oltre ad uno dei titoli indicati, del titolo di specializzazione sul sostegno.

È possibile partecipare in un’unica regione per tutte le procedure per cui si ha titolo (infanzia, primaria, sostegno infanzia e sostegno primaria).

La laurea in Scienze dell’Educazione è un titolo di accesso?

No, non sono ammessi altri titoli di accesso. La laurea in Scienze dell’educazione, o qualsiasi laurea triennale, o lauree magistrali/specialistiche che danno accesso all’insegnamento nella scuola secondaria non rappresentano titoli di accesso.

Sono richiesti i 24 CFU per il concorso a cattedra Infanzia e Primaria?

No, i 24 CFU  in discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche non sono necessari per accedere al Concorso a Cattedra Infanzia e Primaria (sono richiesti esclusivamente per l’accesso al concorso della secondaria).

Concorso a Cattedra Infanzia e Primaria 2020: le prove d’esame

Il concorso a cattedra 2020 nella scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria prevede le seguenti prove d’esame

  • eventuale prova pre-selettiva (qualora le domande di partecipazione siano superiori a quattro volte il numero dei posti)
  • prova scritta
  • prova orale

La prova preselettiva

L’eventuale prova preselettiva sarà computer-based, unica per tutto il territorio nazionale e consisterà in un test a risposta multipla su:

  • capacità logiche
  • comprensione del testo
  • conoscenza della normativa scolastica

Nel decreto non è specificato se sarà fornita una batteria di test da parte del Ministero per affrontare la prova. Per informazioni sull’eventuale pubblicazione della banca dati è necessario attendere il bando.

Vuoi iniziare a esercitarti gratuitamente alla prova preselettiva?

prova il test

La prova scritta

La prova scritta comprende due quesiti a risposta aperta che prevedono la trattazione articolata di conoscenze e competenze didattico-metodologiche in relazione alle discipline oggetto di insegnamento nella scuola primaria e ai campi di esperienza nella scuola dell’infanzia, un quesito articolato in otto domande a risposta chiusa, volto alla verifica della comprensione di un testo in lingua inglese almeno al livello B2.
Per i posti di sostengo i due quesiti a risposta aperta vertono sulle metodologie didattiche da applicare alle diverse tipologie di disabilità, finalizzati a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità.

Per tutti i dettagli sulla prova scritta leggi questo approfondimento

La prova orale

La prova orale ha una durata di 30 minuti ed è differente per i posti comuni e per i posti di sostegno.

  • Per i posti comuni la prova orale è finalizzata alla preparazione sulle discipline, nonché la relativa capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento alle TIC.
  • Per i docenti di sostegno la prova ha l’obiettivo di valutare la competenza nelle attività di sostegno all’alunno con disabilità volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità anche mediante le TIC.

La prova orale sia per i posti comuni che per i posti di sostegno, prevede anche l’accertamento del livello inglese al livello B2.

Come prepararsi alle prove d’esame

Per una preparazione efficace alle prove d’esame per il concorso a cattedra infanzia e primaria consulta il nostro catalogo

In particolare è disponibile il kit completo per la preselezione

kit-preselezione-infanzia-e-primaria-2019_3Rivolto ai candidati al concorso a cattedra per i posti comuni per la Scuola dell’Infanzia e Primaria. Il KIT comprende i volumi:

  • Test per la preselezione Scuola Infanzia e Primaria
  • Volume unico per la Scuola dell’Infanzia e Primaria
  • Avvertenze Generali (Parte generale) per tutte le classi di concorso – edizione aprile 2019

ACQUISTA

 

 

 

 

Per la conoscenza della lingua straniera e per acquistare i volumi separatamente consulta il catalogo

Per una preparazione efficace al concorso scuola infanzia e primaria 2019 per i posti di sostegno consulta il catalogo

Informazioni e aggiornamenti sul concorso

Per tutti gli aggiornamenti sul concorso a cattedra segui la pagina Facebook
Sei interessato ai concorsi nella scuola? Segui Infonconcorsi, il motore di ricerca dedicato al mondo dei concorsi pubblici e scopri come attivare una notifica per ricevere tutti gli aggiornamenti sulle nuove opportunità.

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Una vita tra libri, riviste e web per professione e per diletto... la domanda è: esiste una linea di confine?

COMMENTA