Il collaboratore amministrativo nelle Aziende sanitarie e negli altri enti della Pubblica Amministrazione

Guida ai concorsi: mansioni, requisiti, prove e manuali per lo studio

Nella Pubblica Amministrazione, il collaboratore amministrativo identifica una figura intermedia fra il personale strettamente esecutivo e il personale dirigenziale. Si tratta infatti di un impiegato con mansioni amministrative ed economico-finanziarie, tecnico-progettuali e culturali, nonché di coordinamento e vigilanza, specialmente negli enti più piccoli, al cui interno i collaboratori amministrativi sono chiamati non di rado a compiti complessi che, normalmente, negli enti di maggiori dimensioni, spettano a categorie superiori.

I compiti del collaboratore amministrativo nelle aziende sanitarie

In particolare, il collaboratore amministrativo:

  • svolge attività amministrative che comportano un’autonoma elaborazione di atti preliminari e istruttori dei provvedimenti di competenza dell’unità operativa in cui è inserito;
  • collabora con il personale inserito nella posizione Ds e con i dirigenti nelle attività di studio e programmazione.

Secondo i requisiti culturali e professionali posseduti, e in relazione alle esigenze organizzative e funzionali dell’ente di appartenenza, le attività lavorative del collaboratore amministrativo possono peraltro svolgersi nei settori statistico, sociologico e legale.

Si comprende come la posizione sia caratterizzata da conoscenze specialistiche, ampia autonomia e, nel rispetto delle disposizioni impartite dal personale dirigenziale, da una discrezionalità operativa e di gestione, con assunzione di responsabilità, sia pure parziale, rispetto ai risultati dei processi.

La contrattazione collettiva nazionale di lavoro del comparto «Sanità», applicabile al collaboratore amministrativo impiegato nelle Aziende sanitarie, colloca questa figura impiegatizia nella categoria D, con una retribuzione mensile netta di partenza superiore ai mille euro.

I requisiti richiesti nei concorsi per collaboratori amministrativi nelle azienda sanitarie

I compiti assolti dal collaboratore amministrativo richiedono il possesso di elevate conoscenze teoriche. È necessaria una solida preparazione giuridica, ma il profilo richiede anche competenze contabili ed economiche. Generalmente le prove concorsuali vertono sul diritto costituzionale e amministrativo, sulla disciplina del pubblico impiego e sulla contabilità dell’ente interessato.

Il titolo di studio richiesto, come nella maggior parte dei concorsi nella categoria D, è il diploma di laurea, corrispondente allo specifico settore di attività di assegnazione (tecnico, professionale, informatico, statistico, sociologico amministrativo, legale) e corredato – ove previsto – dalle abilitazioni professionali.

Per i concorrenti interni può bastare il diploma di scuola media superiore accompagnato da un’anzianità di servizio, generalmente di 5 anni, come assistente amministrativo.

Prove d’esame

I bandi concorso prevedono in genere due prove scritte, di cui una a carattere teorico-pratico, e una prova orale.

La prova a carattere teorico-pratico può consistere, per esempio, nella redazione di una proposta di deliberazione o di uno schema di convenzione. L’altra prova scritta, quella teorica, consiste nella redazione di un elaborato su argomenti di diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto sanitario, contabilità pubblica.

L’Amministrazione, d’altro canto, quando il numero dei partecipanti al concorso è elevato, si può riservare la facoltà di ridurlo con una prova di preselezione, consistente in un questionario a risposta multipla su argomenti richiesti anche nella prima prova scritta.

I candidati risultati idonei alle due prove scritte sono chiamati a sostenere un colloquio sulle medesime materie d’esame.

Come prepararsi alle prove d’esame

Per una preparazione efficace alle prove d’esame è disponibile il kit completo con manuale teorico e test commentati

Kit Concorso collaboratore e assistente amministrativo Aziende sanitarie

Il kit riporta una trattazione manualistica cui si affiancano quesiti a risposta multipla (con soluzioni ampiamente commentate) utili per una preparazione mirata alle selezioni.

Il kit comprende i seguenti volumi:

– Manuale per la preparazione al concorso, che riporta alla fine di ogni parte dei quesiti di verifica non commentate in appendice una raccolta di modulistica per la prova pratica
– Quesiti a risposta multipla commentati

In OMAGGIO con il kit:

– Ebook che raccoglie la legislazione nazionale e regionale in materia sanitaria
– Software di simulazione della prova d’esame
ACQUISTA IL KIT

I volumi sono disponibili anche singolarmente: consulta il catalogo

Info e aggiornamenti sui concorsi

Per tutti gli aggiornamenti sui concorsi segui il nostro calendario
Iscriviti alla newsletter
per ricevere aggiornamenti sui concorsi amministrativi: lascia la tua mail in questo box ⇓

Vuoi essere aggiornato sui principali concorsi amministrativi?

Iscriviti alla newsletter

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Potrebbe interessarti:

Non c’è “posto” per vecchi: i limiti di età per…

L’interrogativo, ciclicamente, ricorre. Esistono ancora limiti di età per partecipare ai concorsi pubblici? Mi pare di aver letto che erano ...

Requisiti generali di base per l’accesso ai concorsi pubblici

Quali sono i requisiti per l’accesso ai concorsi? È la prima domanda che il candidato si pone prima di inoltrare la domanda ...

Ricorsi nei concorsi pubblici: guida pratica

I casi di procedure concorsuali bloccate o che si trascinano da anni perché vi sono ricorsi pendenti non si contano ...

COMMENTA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi