Nuovi concorsi in arrivo: autorizzate circa 2000 assunzioni nel prossimo triennio

Approvato il decreto che consente l’assunzione di nuovo personale presso Ministeri, Agenzie ed Enti vari

Con un decreto firmato il 24 aprile 2018 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha provveduto all’ormai consueta tornata di autorizzazioni a bandire nuovi concorsi per circa 2000 posti.

Si riporta l’elenco delle assunzioni autorizzate e che nei prossimi mesi saranno oggetto di specifiche procedure concorsuali o di scorrimento di graduatorie esistenti.

prossimi concorsi

Dalla tabella è facile desumere come la fetta più grossa dei prossimi concorsi sarà appannaggio dell’Agenzia delle Dogane (ben 946 assunzioni autorizzate), del Ministero dell’Interno e di quello della Giustizia (complessivamente 776 assunzioni autorizzate).

I numeri indicati, inoltre, non necessariamente sono quelli che effettivamente verranno indicati nel bando di concorso. Spesso alle autorizzazioni previste da questo decreto si sommano autorizzazioni all’assunzione derivanti direttamente da provvedimenti legislativi che portano ad un aumento dei posti a concorso.

Come al solito il decreto (si veda l’articolo sui decreti pubblicati lo scorso anno) autorizza indistintamente all’assunzione di diverse figure professionali, sia di livello dirigenziale sia per qualifiche non appartenenti ai ruoli dirigenziali.

Un’altra osservazione riguarda l’obbligo di scorrimento delle graduatorie esistenti. Prima di bandire nuovi concorsi, infatti, sarà necessario verificare che non siano ancora valide graduatorie dove sono presenti soggetti idonei a ricoprire il profilo indicato; in questo caso si dovrà prima procedere alla loro assunzione e poi si potrà avviare la selezione aperta agli esterni.

Qui il testo integrale del decreto di autorizzazione alle assunzioni.

Concorsi pubblici: le nostre guide

Hai deciso di partecipare a un concorso pubblico? Ecco un serie di contenuti che potrebbero interessarti

Commenta con Facebook

Di più sull'autore

Il primo imperativo di chi vuole scrivere è… leggere. Negli anni di libri ne ho letti molti e ho avuto anche la fortuna di scriverli, di pensarli, costruirli e correggerli.

COMMENTA